Tassa sui Rifiuti

  • Servizio attivo

Documenti Inerenti la Tassa sui Rifiuti ( TARI )


A chi è rivolto

Presupposto per l’applicazione del tributo è il possesso, l’occupazione o la detenzione, a qualsiasi titolo
e anche di fatto, di locali o di aree scoperte a qualunque uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti
urbani e assimilati.

Soggetto attivo

Il tributo è applicato e riscosso dal comune nel cui territorio insiste, interamente o prevalentemente,
la superficie degli immobili assoggettabili al tributo. Ai fini della prevalenza si considera l’intera
superficie dell’immobile, anche se parte di essa sia esclusa o esente dal tributo.

Soggetto passivo

Il tributo è dovuto da coloro che a qualsiasi titolo (proprietà, usufrutto, comodato, locazione, uso,
altro) occupano o detengano i locali e le aree scoperte, con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che ne fanno
uso permanente in comune.

Descrizione

L’applicazione della TARI è disciplinata dall’art. 1 commi 641-668 legge 147/2013 e successive
modifiche ed integrazioni, dalle norme immediatamente operative del D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 e
successive modifiche ed integrazioni, nonché dalle disposizioni dettate dal DPR 158/1999, dalle
disposizioni di cui al DL 6 marzo 2014 n. 16, convertito dalla legge n. 68 del 02 maggio 2014 e dal
presente regolamento.

Come fare

Il verificarsi del presupposto per l’assoggettamento al tributo determina l’obbligo per il soggetto
passivo di presentare apposita dichiarazione di inizio occupazione/detenzione o possesso dei locali o
delle aree soggette.

I soggetti passivi del tributo devono dichiarare ogni circostanza rilevante per l’applicazione del tributo
e in particolare:
• l’inizio, la variazione o la cessazione dell’utenza;
• la sussistenza delle condizioni per ottenere agevolazioni o riduzioni;
• il modificarsi o il venir meno delle condizioni per beneficiare di agevolazioni o riduzioni.

Cosa serve

La dichiarazione deve essere sottoscritta, in via autografa o digitalmente a seconda della modalità di presentazione utilizzata dal contribuente:

  • per le utenze domestiche: dall’intestatario della scheda di famiglia nel caso di residenti e nel caso di non residenti dall’occupante a qualsiasi titolo (proprietario, usufruttuario, comodatario, affittuario).
    In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all’adempimento dell’unica
    obbligazione tributaria. Sussiste il vincolo di solidarietà tra i componenti il medesimo nucleo
    familiare o tra coloro che occupano in comune le superfici stesse anche se suddivisi in nuclei
    anagrafici distinti;
  • per le utenze non domestiche, dal soggetto legalmente responsabile dell’attività che in esse si
    svolge;
  • per gli edifici in multiproprietà e per i centri commerciali integrati, dal gestore dei servizi comuni.

Cosa si ottiene

Il gestore dell’attività di gestione tariffe e rapporto con l’utente è tenuto a formulare, in modo chiaro e comprensibile la risposta scritta alle richieste. La risposta scritta non ha il valore e la funzione di accertamento della posizione tributaria che rimane disciplinata nei tempi, modalità e strumento giuridico tipizzato (avviso di accertamento), dalle vigenti disposizioni normative nazionali di riferimento e dalle ulteriori disposizioni del presente regolamento.

Il tempo di risposta alle richieste è di trenta (30) giorni lavorativi con decorrenza dalla data di ricevimento della richiesta dell’utente (dichiarazione) e la data di invio della risposta scritta.
La risposta alle richieste deve contenere:
• Il riferimento alla richiesta (di attivazione, di variazione, di cessazione del servizio);
• l' intestazione dell’utenza per le richieste di attivazione;
• La data a partire dalla quale decorre ai fini del pagamento della TARI l’attivazione del servizio,
ovvero la variazione o cessazione del servizio;

Tempi e scadenze

Con delibera di Consiglio n. 03 del 28/04/2023 sono state approvate le tariffe relative all'anno in corso.

Sono state stabilite le seguenti scadenze di pagamento per le rate relative all’anno 2023:

prima rata al 28/07/2023;

seconda rata al 29/09/2023

con possibilità di:
• versamento in unica soluzione entro il 29/09/2023;

Accedi al servizio

Oppure, puoi prenotare un appuntamento e presentarti presso gli uffici.

Documenti

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Unità Organizzativa responsabile
Argomenti:

Ultimo aggiornamento: 07/02/2024, 17:24

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Rating:

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Icona